Annuncio Google

La profezia della Veggente

Tradizioni, miti, racconti del Popolo Celtico
Ospite

La profezia della Veggente

Messaggioda Ospite » 29/10/2010, 23:38

"I detti di Colei che Vede"
Dalla Vòluspa saga, Edda Poetica.





Dal V. 59 si parla della rinascita del mondo, la nuova età dell'oro:
" Affiorare lei vede
ancora una volta
la terra dal mare
di nuovo verde.
Cadono le cascate,
vola alta l'aquila,
lei che dai monti
cattura i pesci.


Si ritrovano gli Æsir
in Iðavöllr,
e del serpente intorno al mondo
possente, ragionano,
[e rammentano là
le grandi imprese,]
e di Fimbultýr
le antiche rune.


Lì di nuovo
meravigliose
le scacchiere d'oro
si ritroveranno nell'erba.
Eran quelle che anticamente
avevano posseduto.


Cresceranno non seminati
i campi;
ogni male guarirà,
farà ritorno Baldr.
Abiteranno Höðr e Baldr
le vittoriose rovine di Hroptr,
felici dèi guerrieri.


Che altro tu sai?

Allora Hǿnir
l'aspersorio sceglierà,
e i figli abiteranno
dei due fratelli
l'ampio mondo del vento.


Che altro tu sai?

Vede lei una corte levarsi
del sole più bella,
d'oro ricoperta,
in Gimlé.
Lì abiteranno
schiere di valorosi
ed eternamente
gioiranno felici. "


"La Völuspáè il gioiello dell'Edda poetica, il primo dei due monologhi che aprono il grande canzoniere. Opera di un poeta islandese di vigoroso talento, ancorché pagano, vissuto probabilmente intorno alla prima metà del X secolo, la Völuspási configura come la visione di una sinistra profetessa [Völva] che Óðinn ha evocato affinché riveli per intero la sapienza nordica, i segreti delle cose primordiali e i destini del mondo. E così, in una sessantina di strofe, la Veggente disegna la creazione dell'universo, racconta dell'età dell'oro e della guerra che oppose gli Æsir ai Vanir, narra della morte di Baldr, vola dalle fonti del destino ai dirupi infernali, dalle radici del frassino Yggdrasill ai confini del mondo, per concludersi col terrificante racconto della distruzione, e quindi della rinascita, dell'universo. La Völuspá si configura insomma come una vera e propria summa mythologiæ scandinava. Tra balenii epocali e schegge d'apocalisse, è senza alcun dubbio uno più bei poemi mitologici di ogni tempo e di ogni paese. "


http://bifrost.it/GERMANI/2.Cosmogonia/00-Voluspa.html



http://bifrost.it/GERMANI/Fonti/Eddapoetica-1.Voluspa.html

Annuncio Google
El-Re

La profezia della Veggente

Messaggioda El-Re » 27/02/2011, 14:18

Grazie per l'articolo molto interessante

grazie


Torna a “I Celti”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti