Annuncio Google

la Natività secondo i Vangeli Apocrifi

Cenni e pensieri sulle religioni dei popoli della Terra.
Avatar utente
drago-lontra blu
Messaggi: 7528
Iscritto il: 01/11/2008, 0:00

la Natività secondo i Vangeli Apocrifi

Messaggioda drago-lontra blu » 26/12/2011, 18:36

Immagine
il termine Apocrifo si usava nell'antichità per indicare i libri diretti agli adepti di qualche setta o agli iniziati di qualsiasi mistero: Quelli che oggi conosciamo come Vangeli Apocrifi vennero redatti tra il II e il IV sec. d.C. e sono un insieme di testi di autori sconosciuti che trattano temi considerati eretici, o quantomeno sospetti dall'ortodossia cristiana. Tuttavia, molti contenuti vennero utilizzati dai Padri della Chiesa quali Clemente Alessandrino, Sant'Epifanio, esempio. La corrente sotteranea di sapienza contenuta in questi testi anonimi affiorò nella liturgia nell'arte e nella letteratura cristiana dei secoli posteriori e sono numerosissime le tracce che hanno lasciato nella cultra occidentale, i nomi della Vergine, Anna e Gioacchino, la storia dei ladroni Dimas e Gestas, il nome di Longino....
Questi dettagli li conosciamo grazie ai Vangeli Apocrifi dato che non compaiono nei testi canonici ufficiali.
Gli apocrifi della nascita e dell'infanzia di Gesù ci forniscono un infinità di dati che non appaiono nel Vangelo di San Matteo, l'unico che affronta questo periodo e che segnala quando parla del luogo della nascita, che i Magi "" entrando in casa, trovarono il bimbo "" Il Protovangelo di Giacomo, invece parla di una grotta e il Liber de infantia Salvatoris di una stalla, entrambi luoghi che la tradizione ha mantenuto nella confezione dei popolari presepi natalizi.
Appartiene agli apocrifi anche il racconto dei pastori che andarono ad adorare il bambino, il fatto che questo fosse adagiato su di una mangiatoia, il coro degli angeli che rendono gloria a Dio e la tenera scena del bue e dell'asinello che danno calore al nuovo nato. Per quanto riguarda i Magi, secondo il Vangelo Arabo dell'Infanzia giunsero a compimento di una profezia di Zarathustra e tornarono alla loro patria con le fasce di Gesu' che vennero loro donate dalla Vergine come segno di ringraziamento. Una volta tornati nella loro terra, vennero ricevuti da re e da principi, che chiesero loro i particolari del viaggio. Essi mostrarono loro le fasce dopo di che "" Celebrarono una festa e in accordo con i loro costumi accesero un fuoco e lo a dorarono. Quindi gettarono nel focolare le fasce che presero fuoco immediatamente. Ma quando quello si estinse, trovarono le fasce nello stesso stato in cui si trovavano prima di incendiarle come se le fiamme non le avessero toccate""
Per questo depositarono il dono con grandi onori tra i loro tesori. Esiste una versione Etiope del Protovangelo di Giacomo che indica, come dono di Maria ai Magi un pezzo di pane invece che le fasce. Mostrandolo in patria ne fuoriesce una fiammata e questa è la causa secondoo tale versione che "" i Magi continuarono ad adorare il fuoco ""
Il Liber de infantia Salvatoris segnala che Giuseppe, vedendo i Magi pensò che erano indovini e per di più forestieri "" in quanto il loro vestiario è differente dal nostro: la loro veste è molto ampia e di colore scuro e indossano zucchetti sulle loro teste""
Il Vangelo Armeno dell'infanzia racconta in dettaglio che un angelo si recò "" nel paese dei persiani per avvisare i Magi....e questi dopo aver camminato per nove mesi avendo come guida una stella arrivarono al luogo destinato nello stesso momento in cui MAria diventava Madre.
E i Re Magi erano tre fratelli: Melkon, che regnava sui Persiani, Nalthasar che regnava sugli indiani e Gaspar che aveva in possesso il paese degli arabi. Persino il dettaglio che i Re Magi giunsero a Betlemme a dorso di cammello appartiene alla tradizione apocrifa. ...
.

Tratto da Hera Gennaio 2005 di Vincente Parìs
Immagine

Immagine

Annuncio Google
Avatar utente
shanti
Amministratore
Messaggi: 12616
Iscritto il: 06/09/2008, 12:00

Re: la Natività secondo i Vangeli Apocrifi

Messaggioda shanti » 26/12/2011, 23:09

Molto interessante Drago, quante cose si trovano in questi vangeli.

psss... ti piace il bluebox, la finestrona blu dentro cui scrivere vero? :emtc46:
Sii umile perché sei fatto di Terra, sii nobile perché sei fatto di Stelle.
Con la Luce di Michele nel cuore. shanti

Avatar utente
drago-lontra blu
Messaggi: 7528
Iscritto il: 01/11/2008, 0:00

Re: la Natività secondo i Vangeli Apocrifi

Messaggioda drago-lontra blu » 27/12/2011, 13:11

sto cercando qualcosa sui Magi, per l' Epifania. :emtc140:
Ohi, mi piace tutto, ps psssss...scrivo per questo.....gh gh gh gh
:ragnetto: :ragnetto:
Immagine

Immagine

Avatar utente
mariposa azul
Messaggi: 3557
Iscritto il: 03/10/2008, 0:00

Re: la Natività secondo i Vangeli Apocrifi

Messaggioda mariposa azul » 27/12/2011, 13:23

Grazie Drago, anch'io mi sto intessando del significato di queste feste che si susseguono le une alle altre. Nauralmente sono consapevole che molte di queste, per non dire tutte, sono altamente simboliche e sono collegate a riti esistenti molto tempo pima di quanto non si faccia risalire la nascita di Gesù, vedi festa del sol invictus, nascita del dio Mitrha ecc.ecc. In altro post parlo delle Tredici notti sante di Steiner.
Un abbraccio grande
Quella che il bruco chiama fine del mondo, il resto del mondo chiama farfalla.”
RICHARD BACH

Artos

Re: la Natività secondo i Vangeli Apocrifi

Messaggioda Artos » 27/12/2011, 14:31

Grazie Drago Blu. A me piacciono tanto i Vangeli Apocrifi. Comunque sembra che il Maestro Gesù non è nato il 24 dicembre ma in altra data. Per i veri credenti del Maestro Gesù non ha importanza quando è nato e se è morto e risuscitato. Per quanto riguarda il Natale sembra che sia simbolico come questo periodo magico. Mi sembra di ricordare che per gli Ortodossi il natale è proprio l'Epifania. Di questi periodi si brucia legna e fascine di sera sembra a significare che la luce sia quella del fuoco o come dire se di giorno c'è il Sole che illumina di notte c'è quel Sole che accende con il suo raggio il camino l'ultimo istante dell'Equinozio d'autunno che dura fino all'Equinozio di Primavera. Comunque rimane un bell'argomento questo. Dinuovo grazie Drago Blu. Un saluto e abbraccio fraterno.

Avatar utente
drago-lontra blu
Messaggi: 7528
Iscritto il: 01/11/2008, 0:00

Re: la Natività secondo i Vangeli Apocrifi

Messaggioda drago-lontra blu » 27/12/2011, 19:47

Ciao Artos, ciao Gabry.
E' un argomento che preso in un diverso contesto non avrebbe presa, mi piace scriverne proprio per il periodo in cui siamo, e leggo volentieri . Devo ancora vedere il tuo articolo Gabry, ora vado.
Manca sul forum un approfondimento sulla Natività, sui Magi, qualcosa sul presepio mi pare di ricordarlo. Se non ne parliamo adesso, quando? non dico una tesi, ma qualcosa di leggero si.
Ciao amici, :emtc128:
Immagine

Immagine

Avatar utente
shanti
Amministratore
Messaggi: 12616
Iscritto il: 06/09/2008, 12:00

Re: la Natività secondo i Vangeli Apocrifi

Messaggioda shanti » 27/12/2011, 19:59

Forse intendi questo.Il link è qui sotto. Ciao Drago e ciao a tutti. :emtc46:

significato-esoterico-del-natale-t2717.html
Sii umile perché sei fatto di Terra, sii nobile perché sei fatto di Stelle.
Con la Luce di Michele nel cuore. shanti


Torna a “Le religioni nel mondo”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti